"…la dottrina è infallibile, è a causa del fatto che essa è un’espressione della verità, la quale, in se stessa, è assolutamente indipendente dagli individui che la ricevono e che la comprendono. La garanzia della dottrina risiede in definitiva nel suo carattere «non-umano»". René Guénon, Considerazioni sull’iniziazione, cap. "Sull’infallibilità tradizionale"

Per contattare la redazione del blog: scienzasacra@libero.it

mercoledì 27 aprile 2016

Ahmad al-'Alawi, La Via

Ahmad al-'Alawi
La Via

L'uomo in cerca di Allah sarà soddisfatto di una stazione lontana?
No, poichè egli non aspira ad alcunchè fra quanto è inferiore all'Unione.
Il vero cercatore porta un segno sul volto,
sulla sua fronte splende una luce radiosa.
Egli è sempre vicino, cortese, affidabile,
risoluto, indulgente verso i censori, pronto a onorare
il vero amico. Il suo obiettivo trascende tutti gli obiettivi:
nulla vi è che possa ostacolarlo e il dirupo è per lui una pianura.
A null'altro egli mira, oltre al suo bersaglio.
Da questo non lo distolgono nè l'attaccamento alla famiglia nè il biasimo.
Bella è la definizione che, da sola
basta a qualificarlo: il cercatore della Verità.
Tale è colui che La ricerca; e solo alla cerca di Essa
egli dirige i suoi sguardi. Poi, spogliando la propria anima
dei difetti ch'egli vi trova, allorchè essa è nuda
la riveste di ciò che è opposto ai difetti. Servitore di Allah in
ogni tempo e luogo,
agli obblighi rituali stabiliti dalla Legge
di propria volontà ne aggiunge altri,
finchè la Verità sia il suo Udito, la sua Vista,
la sua Lingua, la Sua Parola, le sue Mani e i suoi Piedi.
Egli muore prima della sua morte per vivere nel suo Signore,
poichè dopo questa morte avviene la migrazione suprema.
A render conto egli chiama se stesso prima d'esservi chiamato,
essendo in ciò il miglior supplente della Verità.
Prima del suo proprio essere, egli vede l'Essere della Verità,
lo vede dietro di sè e da qualunque parte si volga.
Allah solo era e null'altro con Lui.
Egli è adesso così come era, Ultimo e Primo,
essenzialmente Uno: nulla vi è tranne Lui,
l'Interiore, l'Esteriore,
senza inizio e senza fine. Checchè tu veda,
vedi il Suo Essere. Nell'Unificazione Assoluta,
in Lui non è alcuna riserva. Come l'Essenza di Allah
potrebbe restare racchiusa sotto un velo? Là il solo velo è la
Sua Luce.

Nessun commento:

Posta un commento