"…la dottrina è infallibile, è a causa del fatto che essa è un’espressione della verità, la quale, in se stessa, è assolutamente indipendente dagli individui che la ricevono e che la comprendono. La garanzia della dottrina risiede in definitiva nel suo carattere «non-umano»". René Guénon, Considerazioni sull’iniziazione, cap. "Sull’infallibilità tradizionale"

Per contattare la redazione del blog: scienzasacra@libero.it

lunedì 8 dicembre 2014

'Abd Al-Qâdir al-Jazâ'irî, Dio solo agisce (Mawqîf 2)

'Abd Al-Qâdir al-Jazâ'irî
Dio solo agisce


Mawqîf 2


Dio ha detto[1]:
“Sei Tu cui noi imploriamo il soccorso”[2].
Il senso letterale indica che il servitore ha potere su una parte dell’atto e che è impotente in rapporto all’altra, perché ciascuno dei due collaboratori ha una parte nell’atto, ossia nel risultato dell’azione.
Sappi inoltre che il discorso del Reale, rivolto ai Suoi servitori nei Suoi libri rivelati o sulla lingua dei Suoi inviati, non si sviluppa che in funzione del grado di scienza comune ai servitori, del limite del loro spirito e a quello che l’intuizione permette loro.
E quando il servitore ordinario concepisce che c’è un’esistenza indipendente e distinta dall’esistenza del Reale, che essa sia temporale o eterna, il Reale lo lascia alla sua concezione, perché la condizione nella quale egli si trova non supporta che questo, e a causa di ragioni che (solo) Lui conosce.
Egli ha dunque parlato ai servitori in funzione dell’esistenza che essi credono conforme a quel che essi presumono, così ha loro attribuito le azioni e le omissioni, la potenza, la volontà, ecc…, in funzione delle loro affermazioni. Egli ha dunque detto loro: “Fate e lasciate”:
“Assolvete la preghiera”[3];
“Evitate la fornicazione”[4];
“Dio e il suo Inviato osservano le vostre azioni”[5];
“Egli non diminuirà né voi né le vostre opere”[6];
“Chi vuole crede, e chi vuole nega”[7]; ecc…
È noto che la capacità d’agire e di omettere, la volontà e le altre facoltà si susseguono nell’esistenza. Dunque ciò che non esiste, non agisce, non omette e non ha facoltà. Ora l’uomo e ogni essere possibile[8] non hanno esistenza né indipendente né eterna né temporale, (ciò che si sa) per prova e per svelamento. Per ciò che è dello svelamento, i conoscitori (di Dio) concordano. Quanto alla prova, se un essere possibile qualunque avesse un’esistenza indipendente e distinta dall’Esistenza del Reale, la sua esistenza sarebbe un accidente della sua quiddità; ora la natura sana giudica spontaneamente che l’inerenza di ogni qualità nel qualificato è una conseguenza dell’inerenza del qualificato in se stesso.
Dunque il possibile, in funzione di ciò, non può esistere; perché se esistesse, la sua esistenza sarebbe un accidente della sua quiddità e l’accidentalità della sua esistenza sarebbe una conseguenza della sua esistenza prima. Ora questa esistenza che precede sarebbe o il cuore stesso di ciò che coincide con l’esistenza o altra cosa. La prima (ipotesi) è impossibile perché richiede la presenza di una cosa in rapporto a se stessa. E la seconda è ugualmente impossibile, perché trasferiamo allora la discussione sull’esistenza che precede, ciò che porta obbligatoriamente a un circolo vizioso o all’induzione senza fine, ora le due cose sono assurde.
Poiché il discorso che il Reale rivolge ai suoi servitori non esiste che in funzione della loro immaginazione e dal procedimento delle loro affermazioni menzognere, e che il problema si pone tra ciò che concepisce la gente comune e quella che è la realtà in se stessa, l’attribuzione degli atti compiuti dai servitori si presenta, a prima vista e dopo riflessione, come variata e diversificata nel Libro e nella tradizione. In effetti, gli atti si presentano a volte come attribuiti a Dio con il concorso dell’uomo, come nella Sua parola: “Combatteteli! Dio li castiga tramite voi”[9]; ecc… A volte, essi sono attribuiti all’uomo con il concorso di Dio, come nella Sua Parola: “Quante volte, con il permesso di Dio, piccole truppe hanno vinto truppe numerose”[10]; ecc… “Coloro che assolvono la preghiera e fatto l’elemosina”[11]; ecc… A volte, essi sono puramente e semplicemente negati all’uomo, come nella Sua Parola: “Essi non hanno alcun potere su quello che hanno acquisito”[12]; “Non siete voi che li avete uccisi, ma è Dio che li ha uccisi”[13]; ecc…
La Sua Parola: “Sei Tu cui noi imploriamo il soccorso” si presenta come realtà e come discorso, secondo ciò che concepisce (la gente) comune; perché se il servitore non concepisse di avere qualche potere su una parte dell’atto, non domanderebbe l’aiuto per la parte in rapporto alla quale è impotente. Se tu obietti che Egli ha detto: “Non ho creato i jinn e gli uomini se non perché Mi adorino”[14], e che il senso letterale contraddice quel che affermo, per il fatto che la ragione del dovere imposto è l’invocazione; allora rispondo che l’adorazione per la quale i jinn e gli uomini sono stati creati, così come tutte le creature, è l’adorazione essenziale. Dunque non vi è dubbio che ai jinn e agli uomini spetti una adorazione essenziale. Ma l’adorazione di cui noi diciamo che l’invocazione sia la ragione, è l’adorazione imposta come dovere che nasce dall’unione dell’anima razionale e del corpo elementare.[15]



[1] Versetto commentato anche in Mawqîf 66 e 179.
[2] Corano 1, 5
[3] Corano 2, 43
[4] Corano 17, 32
[5] Corano 9, 94 e 105
[6] Corano 47, 35
[7] Corano 18, 29
[8]Possibile, nel senso di opposto a necessario in quanto all’esistenza.
[9] Corano 9, 14
[10] Corano 2, 249
[11] Corano 2, 277
[12] Corano 2, 254
[13] Corano 8, 17
[14] Corano 51, 56
[15] Ossia formata dai quattro elementi di base che sono il sangue, la bile gialla, la bile nera e la pituitaria, secondo gli antichi.
 

Nessun commento:

Posta un commento