"…la dottrina è infallibile, è a causa del fatto che essa è un’espressione della verità, la quale, in se stessa, è assolutamente indipendente dagli individui che la ricevono e che la comprendono. La garanzia della dottrina risiede in definitiva nel suo carattere «non-umano»". René Guénon, Considerazioni sull’iniziazione, cap. "Sull’infallibilità tradizionale"

Per contattare la redazione del blog: scienzasacra@libero.it

martedì 7 gennaio 2014

Definizioni del Sufismo (Tasawwuf)

Definizioni del Sufismo (Tasawwuf) [1]

MA'RUF AL-KARKHI (+ 200 E.)
- Il tasawwuf è afferrare le verità e rinunciare a ciò che è nelle mani degli uomini.

ABU  SULAYMAN AD-DARANI (+ 215 E.)
- Il tasawwuf è questo: che le azioni (del sûfî) non tengano conto del sûfî: esse sono note soltanto ad Allâh; che egli sia sempre con Allâh in un modo conosciuto soltanto da Allâh

BISHR AL-HAFI (+ 227 E.)
- Sûfî è colui che conserva un cuore puro nei confronti di Allâh.

DHUL-L-NUN (+ 245 E.)
- Gli fu chiesto del tasawwuf, ed egli rispose: «Sono gente che hanno preferito Allâh a qualsiasi altra cosa, perciò Allâh li ha preferiti a qualsiasi altra cosa».
- Il sûfî è tale che, quando parla, il suo linguaggio è l'essenza del suo stato, ciò significa che quando parla non dice nulla senza essere egli stesso quel qualcosa; e quando tace il suo comportamento esprime il suo stato e traduce all'esterno il distacco di esso.

ABU TURAB AL-NAKSHABI (+ 245 E.)
- Il sûfî non è insozzato da nulla e tutto è da lui purificato.

SARI AS-SAQATI (+ 257 E.)
- Il tasawwuf è un nome che include tre concetti.
Il sûfî è colui in cui la luce della conoscenza divina non spegne la luce della pietà;
è colui che non manifesta all'esterno dottrine esoteriche in contraddizione con il significato letterale del Corano e con la Sunna; e il potere di compiere miracoli non gli fa violate gli obblighi sacri imposti da Allâh.

ABU HAFS AL-HADDAD (+ circa 265 E.)
- Il tasawwuf è tutto intero disciplina.

SAHL B. ADULLAH AT-TUSTARI
- Il sûfî è colui che si è purgato da ogni lordura ed è diventato un ricettacolo di meditazione, e in Prossimità di Allâh è escluso dal genere umano; ai suoi occhi l'oro e la terra sono di egual valore.
-Il tasawwuf è: nutrirsi parcamente, riposarsi in Allâh e fuggire dagli uomini.

ABU  SA 'ID AL-KHARRAZ (+ 286 E.)
- Gli domandarono cosa fosse il tasawwuf. Rispose: «Il sûfî è reso puro dal suo Signore ed è riempito di splendori, ed è immerso nella quintessenza delle delizie grazie alla pratica dell'«incantazione» (dhikr)».

SUMMUN AL MUHlBB (+ 297 E.)
- Interrogato a proposito del tasawwuf, rispose: «Consiste in ciò: che non possederai nulla e nulla ti possiederà».

'AMR BEN 'UTHMAN AL-MAKKI (+ 291 E.)
- Gli fu domandato cosa fosse il tasawwuf. Rispose: «(Si applica) a qualcuno che è sempre occupato di ciò che è piú adatto a lui in quel momento».

ABU-L HUSSAYN AN-NURI (+ 295 E.)
- È un attributo del sûfî esser sereno quando non ha nulla, e non esser egoista quando gli vien dato qualcosa.
- I sûfî sono coloro che si sono liberati dalle sozzure dello stato umano e si sono purificati dalla macchia dell'ego e liberati dalle brame; perciò sono in pace con Allâh e sono situati nei primi ranghi della prossimità e nel grado piú elevato; sfuggiti da tutto ciò che non sia Lui, non sono né padroni né schiavi.
- Il sûfî è colui a cui nulla è attaccato, e non si attacca a nulla.
- Il tasawwuf non è un sistema costituito da regole o da scienze, ma comportamento: (ciò equivale a dire che) se fosse una regola, potrebbe esser fatto proprio con lo sforzo accanito, e se fosse una scienza, potrebbe essere acquisito con l'istruzione; è invece un comportamento (analogico). Formatevi sull'azione di Allâh! Ma è impossibile adeguarsi all'azione di Allâh per mezzo di regole o di scienze.
-   li tasawwuf è libertà, generosità, assenza di autorepressione, e liberalità.
-   Il tasawwuf è rinunciare a ogni acquisizione egoistica per conquistare la Verità.
-    Il tasawwuf è odio per il mondo e desiderio del Signore.

GIUNAID AL-BAGHDADI   (+ 297 E.)
- È questo (il tasawwuf): che la Verità (al-Haqq) - cioè Allâh - ti farà morire a te stesso e ti farà vivere in Lui.
- Il tasawwuf è questo: essere con Allâh senza attaccamenti per nulla che non sia Lui.
- Essi (i sûfî) sono una (sola) famiglia: fra di loro non penetrano estranei.
- Il tasawwuf è dhikr (incantazione) non concentrazione, e «percezione spirituale» (wagd) connessa all'audizione (del Corano, degli ahadith, di testi tradizionali), e pratica (dei riti) accompagnata dalla conformità (al Corano e alla Sunna).
- Il sûfî è come la terra, sulla quale si gettano ogni sorta di immondezze e che produce soltanto cose buone.
- In verità egli (il sûfî) è come la terra, calpestata dai pii e dai malvagi, e come le nubi, la cui ombra si estende su ogni cosa, e come la pioggia che bagna ogni cosa (senza distinzione).
- Il tasawwuf è essere eletti per purezza. Chiunque sia scelto in tal modo (e reso puro) da tutto eccetto Allâh, è un sûfî.
- Il sûfî è colui di cui il cuore, come quello di Abramo, ha trovato scampo dal mondo e adempie al comandamento di Allâh; la sua rassegnazione è la rassegnazione di Ismaele; la sua pena è quella di Davide; la sua povertà quella di Gesú; il suo desiderio è il desiderio di Mosè nell'ora della sua intima relazione spirituale con Allâh; e la sua sincerità è quella di Muhammad - Allâh benedica lui e la sua famiglia e conceda loro la Pace!.
- Il tasawwuf è un attributo in cui l'uomo risiede. Gli domandarono: «È un attributo di Allâh o delle creature?». Rispose: «La sua essenza è un attributo di Allâh e la sua manifestazione un attributo degli umani».
- Gli domandarono dell'essenza del tasawwuf. Rispose: «Accontentatevi di afferrare l'apparenza (l'aspetto esteriore) del tasawwuf e non chiedete della sua essenza sarebbe fargli indebita violenza».
- I sûfî sono coloro la cui esistenza è opera di Allâh in un modo che nessuno conosce, tranne Lui.
- Il tasawwuf è: purificare il proprio cuore dall'insorgere periodico delle debolezze innate, abbandonare le proprie caratteristiche naturali, estinguere gli attributi della natura umana, mantenersi lontani dalle tentazioni dei sensi, dimorare con gli attributi spirituali, innalzarsi per mezzo delle scienze divine, praticare ciò che è eternamente migliore, gratificare del proprio consiglio sincero tutta la gente, osservare fedelmente la Verità e seguire l'esempio del Profeta nell'osservanza della Legge.

MIMSCIAD AD-DINAWARI (+ 299 E.)
- Il tasawwuf è purificazione del cuore, è fare ciò che piace ad Allâh l'Altissimo e non avere volizioni proprie quand'anche si abbia commercio con gli uomini.
- Il tasawwuf è mostrare le proprie ricchezze (esteriori), sì da celare il proprio stato spirituale alla gente, e astenersi da tutto ciò che è inutile.

ABU BAKR AL-KATTANI (+ 322 E.)
-  Il tasawwuf è buona disposizione: colui che ti supera in quanto a buona disposizione, ti ha superato in quanto a purezza di cuore.
- Il tasawwuf è purezza e intuizione intellettuale.
- Il sûfî è colui che considera le proprie opere di devozione come una colpa di cui deve richiedere il perdono di Allâh.

ABU  'ALI AL-RUDHBARI (+ 322 E.)
 - Il tasawwuf è giungere alla porta dell'Amato (Allâh) e mantenervisi, anche se si è spinti ad abbandonarla.
-  Disse pure: «È la purezza della prossimità dopo la contaminazione dell'allontanamento».
-  Il sûfî è colui che si veste di lana con purezza di cuore, e fa gustate al proprio «io» il cibo dei maltrattamenti, e si getta il mondo dietro le spalle e procede sul sentiero di Mustafâ, il Profeta Muhammad.

'ABDULLAH BEN MUHAMMAD AL-MURTA'ISC (+ 328 E.)
- Gli domandarono: «Cos'è il tasawwuf?» Rispose: «È sottigliezza e difficoltà di cammino e occultamento».
- Il sûfî è colui che diviene privo di tribolazioni e di doti individuali.

ABUL-HASAN AL-MUZAYYIN (+328 E.)
- Il tasawwuf è lasciare che il proprio "sè" sia ricondotto alla Verità.

ABU 'ABDALLAH BEN KHAFIF (+ 331 E.)
- Il tasawwuf è pazienza sotto i colpi del destino, accettazione di ciò che proviene dalla mano dell'Altissimo e proseguire nel proprio cammino per deserti e alture.

ABU BAKR AL--WASITI (+ dopo 320 E.)
- Il sûfî è colui che parla soltanto dopo aver riflettuto, e il cuore del quale è stato illuminato dalla meditazione .

ABU  BAKR ASC-SCIBLI (+ 334 E.)
- Il tasawwuf è stare con Allâh senza preoccupazione.
- Il sûfî è separato dall'umanità e unito ad Allâh, in quanto Allâh ha detto. «E ti ho scelto per
me» , per poi aggiungere: «Ma tu non mi vedrai "'.
- Il tasawwuf è un lampo accecante.
- I sûfî sono i figli prediletti di Allâh.
- È  (il tasawwuf) essere protetti contro la visione del mondo fenomenico.
- Il tasawwuf consiste nel ristabilirsi nello stato di equilibrio di prima che si entrasse nell'esistenza. .
- Il tasawwuf è controllo delle proprie facoltà e vigilanza sul proprio respiro.
- Il sûfî è veramente tale quando considera l'intero genere umano come la propria famiglia.

ABU SA'ID IBNU-L-'ARABI (+ 340 E.)
- Tutto il tasawwuf è nell'abbandono di quel che è superfluo.

ABU-L-HASAN AL-BUSCIANGI (+ 347 E.)
- A coloro che domandavano cos'era il tasawwuf, rispondeva: «Mancanza di speranza e incessante dedizione allo sforzo».
 
GIAFAR AL KHULDI (+ 348 E.)
- Il tasawwuf è assoggettare la propria individualità e liberarsi dal proprio stato di umanità, e guardare verso Allâh con interezza.

ABU 'AMR BEN AN-NAGID (+ 366 E.)
- Il tasawwuf è essere pazienti sotto il comando e la proibizione. .

ABU 'ABDALLAHA AR-RUDHBARI (+ 369 E.)
- Il tasawwuf è rinuncia delle cerimonie, pratica dell'eleganza apparente e abbandono della vanagloria.

ABU MUHAMMAD AR-RASIBI (+ 367 E.)
- Il sûfî non è tale fino a che nessuna terra non lo sostenga piú e nessun cielo lo ricopra; non è tale finché l'umanità non gli si opponga; e finché in ogni circostanza egli non faccia ricorso se non ad Allâh..
 
ABU-L-HASAN AL-HUSRI (+ 371 E.)
-  Il Califfo gli domandò: «Che cos'è il tasawwuf?». Egli rispose: «È questo: il  sûfî non dovrà avere riposo o conforto in nulla al mondo che non sia Allâh, e dovrà rimettere tutto ciò che lo riguarda a Colui che è Signore e che gli assicura ciò che ha Egli stesso predestinato. Che cosa resta dopo Allâh se non l'errore? E quando avrà trovato il Signore, non terrà piú conto di nient'altro».
-  Il sûfî è colui che, essendo morto una volta per tutte alle contaminazioni dei mondo, non ritorna indietro, e avendo una volta per tutte rivolto la faccia ad Allâh, non la distoglie piú; e le cose che passano non lo toccano in nessun modo.
Sûfî è colui la cui percezione spirituale (wagd) è l'esistenza reale, e i cui attributi sono il suo velo; in altre parole, se un uomo conosce se stesso, conosce il proprio Signore.
Sûfî è colui del quale gli uomini non sanno vedere l'esistenza paragonandola alla loro propria. .
- Il tasawwuf è avere il cuore purificato dalle contaminazioni delle opposizioni.

ABU 'UTHMAN AL-MAGHRIBI (+ 373 E.)
- Il tasawwuf è taglio dei legami e rigetto delle cose create, e unione con le realtà divine (haqâiq).

ABU-L-HASAN AL-KHURQANI (+ 425 E.)
- Il sûfî non è tale per il mantello rappezzato e per il tappeto di preghiera; egli non è tale in virtú di regole e di usanze; il vero sûfî è colui che non è piú nulla.
- Il sûfî è un giorno che non ha bisogno di sole, e una notte che non ha bisogno di luna o di stelle, e un non-essere che non ha bisogno di essere.

ABU  SA'ID BEN ABI-L-KHAIR (+ 44o E.)
- Domandarono a questo Sciaikh: «Che cos'è il tasawwuf?». Rispose. «Abbandonare quel che hai nella testa, donare quel che hai nella mano e non ritrarti da quel che ti sopravviene».
 




[1] Tutte le citazioni dei maestri Sûfî qui riportate sono estratte dalle seguenti opere: Tadhkirat al-Awliyâ' di Farîd ad-Din 'Attâr (tradotto in italiano: Parole di Sufi, differenti edizioni) e dalla Al-Risâla al-Qushayriyya (Lettera sul Sufismo) di 'Abd al-Karîm al-Qushayrî; alcune citazioni sono tratte dal Nafaba'tu-I-Uns. Il testo  «Definizioni del Sufismo» è stato pubblicato sulla Rivista di Studi Tradizionali n° 40 (Gennaio-Giugno 1974).